Vai al contenuto
PALAZZO ALFIERI. TESORO MULTIFORME E LUOGO DI EMOZIONI

Palazzo Alfieri è uno dei siti più rilevanti nel contesto culturale cittadino.
Il palazzo, che vide la nascita del grande poeta, presenta un percorso ricco
di contenuti e di suggestioni, tra storia, architettura, arte, letteratura e
teatro.


Il Museo Alfieriano è dedicato alla memoria dell’illustre poeta ed è ospitato
in un edificio di origine medievale, che divenne proprietà della famiglia
Alfieri da metà XVII secolo. L’attuale allestimento museale unisce le
moderne tecnologie a dipinti, sculture, cimeli, documenti, arredi e costumi
di scena. Nel salone di accesso il busto bronzeo di Alfieri accoglie il
visitatore; documenti storici introducono alle vicende settecentesche del
palazzo. Nell’anticamera si osserva il prezioso ritratto di Vittorio Alfieri
realizzato da François Xavier Fabre nel 1797; vi sono inoltre i dipinti
raffiguranti Louise de Stolberg, contessa d’Albany, sua amata compagna.
Dopo il salotto si giunge alla camera natale, che è il cuore
dell’appartamento storico. Qui si ammira l’elegante letto a baldacchino in
cui nacque il poeta. L’ambiente vede la presenza di mobili antichi e ritratti
familiari che raffigurano i nonni materni, la madre e la sorella. La camera
è oggetto di visite e di “culto” già dal 1827, quando il nipote del poeta,
Vittorio Amedeo Colli di Felizzano, l’aprì al pubblico.
Oltrepassando la galleria dedicata alle case di poeti e scrittori, si incontra
la sala dedicata all’iconografia, che espone busti, incisioni e un grande
medaglione in gesso tratto dal monumento funebre del poeta. Proseguendo
attraverso la torre medievale, si incontra la Galleria della Vita, dedicata
alla biografia e alle opere di Vittorio Alfieri. L’allestimento segue le
quattro epoche in cui è articolata la Vita, il suo capolavoro autobiografico;
puerizia, adolescenza, giovinezza e virilità sono descritte da documenti,
arredi, dipinti, cimeli e allusioni scenografiche. Il percorso termina con il
Salone del Podio e l’ambiente successivo, dove è illustrata la produzione e
la fortuna teatrale di Alfieri, anche tramite abiti di scena e bozzetti di
scenografie.
La scoperta di Palazzo Alfieri suscita nel visitatore il desiderio di farvi
ritorno, per approfondirne i contenuti e assaporare un’atmosfera ricca di
fascino.

Altri
articoli

Questo Sito Web utilizza Cookie

Utilizziamo cookie, anche di terze parti in particolare per assicurare all’utente un’efficace navigazione, per analizzare il nostro traffico e monitorare il comportamento dei visitatori, anche per finalità di marketing.

Cliccando “accetta” acconsenti all’uso di tutti i cookie che utilizziamo.

Per selezionare in modo granulare soltanto alcune terze parti puoi cliccare su “personalizza”.

Per proseguire la navigazione mantenendo le impostazioni di default (solo i cookie necessari) clicca su “rifiuta tutti (solo necessari)”.

Per saperne di più consulta la nostra cookie policy disponibile al seguente link: https://www.museidiasti.com/centro-privacy/informativa-sui-cookie/

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi