Vai al contenuto

POLIMATERICI DI EUGENIO GUGLIELMINETTI

Data:

Dal 27 Maggio 2023
Fino al 8 Ottobre 2023

Luogo:

Museo Guglielminetti

Mostra omaggio alla ricerca plastico- scultorea del Maestro astigiano, attivo sperimentatore della materia dal Secondo Dopoguerra al Duemila.
L’allestimento presenta originali “stratificazioni di materiali”, opere custodite presso le Collezioni della Fondazione Eugenio Guglielminetti, realizzate lungo cinque decenni con il recupero di vecchi legni, stampi di fonderia, tavole da lavoro e ruote di carri agricoli, un patrimonio culturale ed artigianale dimenticato ed evocativo.
“ Quattro legnetti color rosa garanza, una sfera blu cobalto, un’asse arcuata dai riflessi verdognoli
sono sufficienti a farmi felice” (E. Guglielminetti, “Colloquio con me stesso”1994). Giochi d’infanzia in Valle San Pietro, attrezzi contadini ed ingranaggi meccanici del laboratorio paterno hanno ispirato la sua fantasia creativa.
Dai disegni e monotipi concepiti per la Mostra “Arte Astratta e Concreta”nel 1951 alla GAM di Roma e per la Biennale Internazionale di Venezia del 1950- 1954, Guglielminetti inizia a creare strutture nello spazio con materie assemblate: da tondini e lamiere di ferro si originano “Il pellicano”; “ La rete”; “L’Armatura”; “Il guerriero” ( esposti nel Giardino e nel Museo ipogeo), mentre legni monocromi e policromi compongono “ I cerchi”, “ Tondo”, basi sferiche dal ritmo rotante, astratti simboli animati dall’intervento cromatico.
Le opere esposte accompagnano il visitatore lungo l’avventura costruttiva di Eugenio Guglielminetti, attratto dalle avanguardie storiche internazionali in una personale riflessione su esperienze futuriste, dadaiste e costruttiviste. Tra essenzialità ed emozione nascono “La cascata”, “L’uomo e il percorso”, “L’orologio”, “Totem”, “L’albero” , “L’eterno”, in una suggestiva “apparizione fantastica delle forme.
L’uso dei materiali poveri, al contrario dell’Arte Povera “ trasmette il senso della dolcezza materica e il trasfigurarsi di questo è di tipo favolistico” commentava Rossana Bossagliae le allusive aggregazioni, come “Organetto”,“Aeroplano” ,”Il tempo”, diventano testimonianze parallele alla produzione pittorica e scenografica per la purezza del linguaggio, la dinamicità della materia.
Le più recenti creazioni degli anni Novanta- Duemila rivelano la sintesi espressiva e divertita del Maestro, nell’accostamento di tecniche svariate, dalla pittura al collage al frammento scenografico, su supporti di fortuna, assemblati ad oggetti dimenticati, a curiose figurine di latta del Primo Novecento, resine e smalti: “La fucina”, “La macchina”, “La fabbrica” offrono emozioni attraverso suggestioni metaforiche e simboliche.
“ Ma il senso del fantastico, del magico, e nello stesso tempo anche della metafora descrittiva e narrativa- scriveva Marco Rosci – confluiscono nel quadro scultura assemblaggio “La porta” del 1991, che vive e si propone, in unità poetica, come oggetto estetico, immagine e spettacolo”. Accanto alle suggestive tavole materiche, “La sfinge” “La torre” paiono architetture sceniche, pur nell’autonomia plastica, progetti scenografici per il palcoscenico teatrale.
La mostra, a cura di Marida Faussone e Giuseppe Orlandi.

Ingresso compreso nello Smarticket

Questo Sito Web utilizza Cookie

Utilizziamo cookie, anche di terze parti in particolare per assicurare all’utente un’efficace navigazione, per analizzare il nostro traffico e monitorare il comportamento dei visitatori, anche per finalità di marketing.

Cliccando “accetta” acconsenti all’uso di tutti i cookie che utilizziamo.

Per selezionare in modo granulare soltanto alcune terze parti puoi cliccare su “personalizza”.

Per proseguire la navigazione mantenendo le impostazioni di default (solo i cookie necessari) clicca su “rifiuta tutti (solo necessari)”.

Per saperne di più consulta la nostra cookie policy disponibile al seguente link: https://www.museidiasti.com/centro-privacy/informativa-sui-cookie/

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Per utilizzare questo sito Web utilizziamo i seguenti cookie tecnicamente necessari
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi